Tra modernità e tradizione. Gaetano Chierici direttore della Regia Scuola di disegno per operai in Reggio Emilia, ora liceo artistico

di Aurora Marzi

Gaetano Chierici  (Reggio Emilia  1838 -1920) si presenta come una personalità poliedrica , costantemente impegnata in vari settori dall’arte alla politica. Noto, soprattutto, come pittore “di genere” per la realistica rappresentazione di  microstorie  nell’ambito della vita quotidiana e non solo ,affrontando pure tematiche storico- religiose e la pittura di paesaggio ,lasciò una impronta notevole nel campo  sociale e politico  della sua città , Reggio Emilia , di cui fu eletto sindaco  e in particolare nel settore  della didattica quale docente e direttore della Regia Scuola di disegno per Operai.

Con decreto del re Umberto I del 10 dicembre 1882 Gaetano Chierici viene nominato insegnante di disegno  elementare di figura nella Regia Scuola di Disegno per gli Operai in Reggio Emilia con lo stipendio  annuo di £ 1200 a partire dal 1 gennaio 1883 e in contemporanea ,alla stessa data, viene incaricato,  con decreto del Ministro della Pubblica Istruzione ,della direzione della medesima Scuola per Operai coll’assegno annuo di £ 500.(1) Quando Chierici assume gli incarichi sopra citati il mondo dell’arte viveva un momento di crisi e di transizione , si stava  lentamente esaurendo la stagione del Naturalismo e dell’Eclettismo accademico , mentre si sviluppava nell’ambito europeo del clima simbolista il periodo vitale dell’Art Nouveau , da collocarsi in generale  tra il 1880 e il 1910. Invano cercheremo nel nuovo direttore  suggestioni simboliste  e vaghezze art nouveau, egli si manterrà fedele alla solida tradizione accademica e realista, apprezzerà nei suoi allievi l’accuratezza del disegno, la precisione , il segno sicuro.

Tuttavia ebbe la capacità di vivacizzare  e  modernizzare la scuola, collegandola con le istituzioni museali ,  sulla traccia di quanto avveniva in quel periodo a Londra, dove era stato fondato a metà Ottocento  Il Victoria and Albert Museum con l’intento di creare un costante e fecondo rapporto tra scuola e museo, non dimentichiamo che  Chierici era molto apprezzato in Inghilterra , dove contava  numerosi estimatori .  Tra i suoi primi atti amministrativi  chiede il trasferimento della Pinacoteca comunale dai locali della sconsacrata chiesa di San Giorgio alla ex sagrestia della Chiesa di San Francesco ,dove la scuola d’arte aveva sede dal 1836 , mosso dal pensiero che “la raccolta di opere  insigni ,ivi ,più che in altro luogo trovasse opportuna sede …e che sarebbe stato di aiuto efficacissimo ai giovani avviati alle Arti Belle ,i quali in più agevole maniera ne avrebbero fatto oggetto dei loro studi”.(2)

Profondamente convinto, che per ispirare nei giovani “il sentimento del bello” fosse necessaria  l’imitazione delle opere d’arte dalla classicità fino ai suoi giorni ,si adopera per raccogliere quadri, stampe, gessi per offrire modelli di studio agli allievi. Il dinamico direttore riesce a fare trasferire  nell’edificio che ospitava i Civici Musei ,la Pinacoteca comunale  e la scuola  di disegno per operai , la ricca e preziosa collezione di arte antica del conte romano  Giuseppe Savorelli  ,che contava un San Sebastiano attribuito a Caravaggio ,  e altri quadri di pittori famosi quali  Giovanni Bellini,  Pietro Perugino   Paolo Veronese, Nicolas Poussin,  i Carracci , come si legge in un inventario minutamente redatto da Chierici.(3) Oltre a questa importante collezione ottiene di tenere in deposito le opere d’arte appartenenti al Monte di Pietà e alle Opere Pie Unite di Reggio.

La didattica di Chierici era  legata al concetto di arte come “mimesi”,  quindi l’esercizio sulle statue antiche , la copia dal  modello, era ritenuta la miglior propedeutica possibile e questo lo porta ad acquistare anche dei “gessi”, calchi di capolavori del passato , incrementando la raccolta già in possesso della scuola. Scorrendo l’inventario della classe di disegno elementare di  Figura , di cui Chierici era docente, si trovano 11 statue intere  in gesso riproducenti  capolavori della civiltà classica e del Rinascimento,  quali l’Antinoo di età adrianea   il Gladiatore Borghese , la Venere  Medici   assieme al Fauno  collocati nella celebre Tribuna del museo degli Uffizi , un Adone , un gruppo di Niobidi  ,15 calchi di torsi, teste ,parti anatomiche di celebri opere del passato oltre a 6 alto e bassorilievi ,copie del fregio del Partenone . A  questi gessi ne aggiunge altri ,in una lettera autografa , datata 14 ottobre 1900, Chierici chiede al Ministro della Pubblica Istruzione di ricevere in dono “interessanti calchi fatti su alcune opere d’arte delle più distinte e utili per l’insegnamento” (4)

Il 30 maggio dell’anno successivo Chierici ha il gradito annuncio da parte del Ministero dell’invio delle desiderate copie in gesso , ma l’attesa si prolunga e Chierici si spazientisce  sollecitando più volte il Ministero.  Si intuisce l’importanza che egli attribuiva ai calchi considerandoli un indispensabile strumento di apprendimento in grado di dare stimoli , spunti ,esempi concreti  agli allievi, che si esercitavano per produrre  lavori di buona qualità , a questi si aggiungevano copie di capitelli in scagliola , destinati ad essere riprodotti nei  palazzi reggiani ,oltre ad un vastissimo repertorio di forme ornamentali  desunte dal mondo vegetale e animale. Si viene così a costituire una cospicua gipsoteca “ importante per la storia artistica e architettonica della città, capace di testimoniare anche i cambiamenti che le opere d’arte della città hanno subito nel corso del tempo (5).

Questo straordinario patrimonio artistico oggi è in parte disperso , tuttavia alcuni pezzi   sono collocati  all’interno dell’attuale Liceo artistico ,altri si trovano in deposito presso sedi museali. L’Associazione Amici del Chierici APS , costituita da ex allievi e docenti dell’Istituto d’arte ,ora Liceo artistico, per valorizzare il patrimonio artistico della scuola e promuovere iniziative culturali  si è posta ,tra i vari obiettivi, quello di restaurare e catalogare  i gessi ,patrimonio della scuola come attività formativa rivolta agli studenti. La propensione di Chierici a riprodurre opere d’arte lo porterà a studiare assieme all’amico archeologo Luigi Pigorini un preparato chimico ,denominato “igroplasma”non nocivo e utile a modellare le sculture , dopo averlo sperimentato ne chiede l’autorizzazione per l’utilizzo al Ministero della Pubblica Istruzione che non solo ne autorizza l’uso ,ma lo raccomanda alle Accademie e Scuole di Belle Arti. In sintonia con quanto accadeva in Inghilterra e in particolare col movimento Arts and Crafts e con il Victoria and Albert museum il nostro direttore si pone il problema di una riforma delle scuole d’arte frazionate nella penisola e di un coordinamento tra le stesse.

A questo proposito elabora nel 1905 un progetto di riforma nell’ambito della sua scuola assieme agli altri docenti ,individuando quale principale obiettivo didattico: “infondere il bello dell’arte nelle officine, acciochè assieme alla utile e severa applicazione della scienza nei mestieri e nelle professioni  risultino produzioni adatte ad ingentilire il costume degli uomini”(6) .  E’ un tentativo di promuovere una riforma della scuola nel rapporto tra arte e produzione industriale  proponendo una rivalutazione estetica  degli oggetti della vita quotidiana, seguendo il pensiero teorico del citato movimento Arts and Crafts  e della società bolognese Aemilia Arts impegnata dal 1898  ad attuare un rinnovamento delle arti decorative sul modello inglese ,diffondendolo presso laboratori e botteghe artigianale dell’Emilia Romagna. Chierici  concretizza tali principi e ,anticipando i tempi, istituisce  un corso serale di disegno rivolto agli artigiani , che non possono frequentare di giorno , consentendo pure una libera frequentazione  diurna ,fuori dall’orario di lezione, dalle  9 alle 14. 

C’era il problema della mancanza di personale addetto alla sorveglianza , in un edificio ripartito in sette ambienti su due piani, frequentato da  circa 120 alunni di cui solo sei erano donne. Gli addetti alla sorveglianza venivano scelti  tra le Guardie dei Pompieri , il direttore scrive numerose missive al sindaco per ottenere un personale stabile e non precario ,preoccupato  per una scolaresca , composta per  due terzi da “incolti operai ,  tuttochè animati da buon valore e studiosi “ ma abituati al chiasso delle officine (7).Cinque erano le  sezioni  le in cui allora si articolava il piano  dell’offerta formativa:  Figura, Geometria, Plastica,Ornato , Disegno Costruttivo e tre gli anni di corso. Al termine di ogni anno scolastico venivano indetti dei concorsi finali con premi finanziati in gran parte dalla locale Cassa di Risparmio. A questi premi se ne aggiungevano altri organizzati da Chierici per incentivare l’inclinazione verso l’arte dei suoi studenti ,attivissimo  nella ricerca di fondi e donazioni  ,un vero manager in cerca di sponsorizzazioni si direbbe  con un linguaggio odierno. Nel 1894 è ben lieto di  disporre di un lascito annuo  di 100 lire   per costituire il premio Gian Battista Venturi  su iniziativa della vedova di quest’ultimo la nobildonna Leocadia Palazzi , fra i premiati annoveriamo importanti artisti e artigiani reggiani quali lo scultore Riccardo Secchi e Antonio Brindani noto maestro nell’intaglio del legno.

Lo stesso Chierici redige con la consueta precisione un” Elenco degli alunni della Regia Scuola di Disegno per gli Operai di Reggio Emilia , che maggiormente si distinsero  e si distinguono nell’arte loro dal 1859 al 1896”(8) Scorrendo l’elenco si trovano pittori famosi come Cirillo Manicardi ,l’erede  designato di Chierici , chiamato a sostituirlo quando  il direttore si allontana nel 1890 per partecipare ad una spedizione reggiana in Eritrea e nel 1892 quando Chierici si candida alla Deputazione Politica . reintegrato  poi l’anno successivo nel ruolo di docente e direttore , Manicardi  gli succederà definitivamente nel 1910 ,in seguito alle sue  dimissioni per motivi di salute, aveva già 72 anni ed era direttore da 28 anni. 

E’ interessante rilevare  che  la designazione di Cirillo Manicardi a insegnante e direttore della scuola avviene su richiesta dello stesso Chierici senza  concorso pubblico , in un clima in cui prevalevano i rapporti personali  , la richiesta di Chierici al Ministero della Pubblica Istruzione viene approvata dal consiglio direttivo della scuola  affidando la direzione della stessa  , prescindendo da concorsi, a  Cirillo Manicardi ,”valente come artista e come insegnante”(9) Tornando all’Elenco degli alunni meritevoli troviamo citati artisti che diventeranno famosi , oltre al suddetto Manicardi troviamo i pittori  Lazzaro Pasini, Augusto Mussini , Alfonso Beccaluva  , gli scultori Riccardo Secchi , già citato , Guglielmo Fornaciari ,oltre ad altri  noti maestri nel campo delle Arti Applicate.

La scuola d’arte reggiana è sempre stata ,fin dalle sue lontane origini ,quando venne istituita come Accademia nel 1797, nel primo anno della Repubblica Cispadana, una straordinaria fucina di talenti, che hanno caratterizzato e dato una notevole  impronta  artistica alla città, una tradizione che, mutati i tempi e il nome da Scuola di Disegno per Operai a Istituto d’Arte ,a Liceo d’arte, continua tuttora. Il 16 gennaio del 1920 Gaetano Chierici si spegne e il 19 febbraio dello stesso anno con decreto del Ministero dell’Istruzione  viene intitolata al nome di Gaetano Chierici la Regia Scuola di Disegno per Operai di Reggio nell’Emilia , decreto pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero il 20 maggio del 1920.(10) L’anno successivo un busto in marmo modellato dallo scultore Riccardo Secchi viene collocato nell’atrio della scuola  e vengono indetti festeggiamenti in onore di Chierici. Sono dunque passati cento anni dalla morte di Gaetano Chierici e la scuola d’arte ora liceo artistico mantiene ancora la intitolazione in memoria di una grande figura di artista e di  “uomo di scuola”, la cui vita è stata contrassegnata dalla efficienza , dal dinamismo, da una intensa  attività di relazioni politiche e sociali e da una grande larghezza di vedute . Egli stesso in una nota di servizio dichiarava di possedere “molta attitudine fisica al lavoro” e di “essere appassionato all’insegnamento” aspirando  solo a compiere il suo dovere finchè rimaneva in ufficio (11)

Marzi Maria Aurora presidente della Associazione Amici del Chierici APS

Note bibliografiche

1 G.A.Rossi  Regesti e documenti in Gaetano Chierici 1838-1920 mostra antologica ,Reggio Emilia 1986 catalogo a cura di Elio Monducci pp334-3

2 A.Marzi Radiografia di un direttore in Gaetano Chierici 1838-1920 mostra antologica cit.p.53

3.Marzi Radiografia di un direttore in Gaetano Chierici 1838-1920 mostra antologica cit. p62-63

4 G.A.Rossi  Regesti e documenti cit.

5 M.L.Pagliani La gipsoteca dell’Istituto G.Chierici di Reggio Emilia fra Otto e Novecento in Un Museo Ritrovato , Il patrimonio dell’Istituto d’arte Chierici restituito alla città,  catalogo Civici Musei di Reggio Emilia 200 p.58

6 A.Marzi Radiografia di un direttore cit p.55

7 S.Ferrari Dalla scuola comunale di disegno alla R.Scuola di disegno per operai in Marzi Ferrari Rapaggi Storia dell’Istituto d’arte “ Gaetano Chiericidalle origini ai giorni nostri ,Istituto statale d’arte “G.Chierici” Reggio Emilia 1980 p.37

8 Marzi Ferrari Rapaggi Storia dell’Istituto d’arte “ Gaetano Chierici dalle origini ai giorni nostri cit.pp63-64

9 G.A.Rossi Regesti e documenti  cit.p 360

10 G.A.Rossi Regesti e documenti  cit. p.362

11 A.Marzi Radiografia di un direttore  cit p.59