Contenuto principale

Tra i molti tesori raccolti all’interno della Basilica di San Prospero a Reggio Emilia, lo splendido tempio che la comunità locale volle dedicato al patrono principale della città e della diocesi, alcuni rischiano di essere ingiustamente negletti, vuoi perché collocati in parti dell’edificio un poco defilate, vuoi per le loro dimensioni modeste. È questo il caso dell’intrigante dipinto posto alla base della pala nella sesta e ultima cappella del lato sinistro: schiacciata dalla prepotenza plastica del sovrastante San Paolo.

articolo completo di Antonio Brighi